Villa in Brianza

Viganò -LC- 2009

In questa casa c’è la Brianza della tradizione: quella delle cascine rurali che ne punteggiavano i paesi e le frazioni, dove la vita quotidiana, ritmata dal trascorrere delle ore del giorno e dal mutare delle stagioni, si svolgeva in un “continuum” tra ambienti interni ed esterni. Ma anche la Brianza del progresso e dell’innovazione, quella che ricerca costantemente le migliori soluzioni disponibili per ottenere risultati all’insegna dell’eccellenza. La struttura conserva la cifra architettonica della Brianza, con il loggiato, i pilastri, la pianta rettangolare pura, il tetto a doppia falda, il portico ed il cortile tipico delle cascine.

L’ingresso, a monte, si presenta estremamente sobrio e lineare ad ha sola funzione di immettere l’ospite nella ampia e luminosa zona living e nell’attigua cucina, separata con un gioco di trasparenze da due pareti vetrate. Completamente isolata e nascosta è invece la zona notte. Le trasparenze e il candore della luce dominano la scena. Lo sguardo si perde nel vasto ambiente a doppia altezza, interamente dipinto di bianco e interrotto da semplici volumi-contenitori, uno dei quali ospita un camino, fino a posarsi sul soffitto ligneo a doppia falda ma senza trave di colmo. Dal soggiorno lo sguardo si perde nel paesaggio brianzolo attraverso le vetrate scorrevoli che conducono sul terrazzo in doghe di legno.