Il progetto scaturito è il risultato di una trasformazione e riconversione di un ambito industriale dismesso. Il volume costruito s’inserisce in un tessuto urbano fatto di corti e cascine come il vicino vecchio nucleo di “Cascina Riva” e il nuovo intervento ne assume gli stessi caratteri distintivi. La qualità complessiva dell’edificato è data, oltre che dalla maestria nell’esecuzione, dalle prestazioni energetiche dell’involucro, dagli impianti tecnologici installati, dalle finiture ma soprattutto dalla composizione architettonica che tiene conto di esposizione solare, viste, componenti sociali e storiche, valori estetici. Il nuovo ambito sfrutta la dislocazione degli edifici per creare luoghi di visuale panoramica e giardini privati. Logge e porticati offrono spazi riservati aperti verso il paesaggio.